Dovresti adottare una rete decentralizzata?

In poche parole, il design della rete tradizionale non è all’altezza dei carichi enormi di oggi. Con milioni di consumatori che riproducono contenuti in streaming, salvano / sincronizzano file su servizi cloud, utilizzano edge computing, distribuiscono contenitori, adottano blockchain e altro ancora, la topologia di rete della vecchia scuola semplicemente non può tenere il passo.

A peggiorare le cose, quando hai un punto centrale di fallimento, alla fine fallirà.

Questa è la rovina di una rete centralizzata: i dati devono fluire attraverso un punto centrale. Per questo motivo, la rete centralizzata fatica durante i picchi di utilizzo e non gode della stabilità e dell’affidabilità richieste dagli utenti odierni.

Quando le reti e Internet hanno iniziato a prendere un volo negli anni ’90, meno dell’1% della popolazione mondiale era online. Oggi ci sono più di 4 miliardi di persone online secondo Statista. Questo è il 58% della popolazione mondiale. La configurazione di rete originale, con solo un numero limitato di aziende che ospitano e controllano i server che alimentano Internet, non riesce a tenere il passo con le richieste attuali.

E non finisce sul lato WAN delle cose. Le aziende soffrono anche di reti in ritardo che non sono in grado di gestire le elevate esigenze poste alle loro reti centralizzate.

Ecco perché entra in gioco la rete decentralizzata.

Che cos’è una rete decentralizzata?

Considera la tua attuale configurazione di rete. Probabilmente hai un server che gestisce il web, un database di gestione, uno che gestisce il routing. O peggio, la tua azienda ha un unico server che gestisce tutti questi servizi. Ciò può portare a gravi colli di bottiglia sulla rete. Quei colli di bottiglia possono diventare così gravi, anche il tuo Servizi di outsourcing IT non posso aiutarti.

Quando si dispone di un punto di connettività centralizzato, ogni pacchetto di dati deve essere inviato attraverso quel server prima di poter essere distribuito alla sua destinazione. Immagina se quel singolo server centralizzato dovesse gestire un carico di centinaia o migliaia di utenti tutto il giorno ogni giorno.

Avrebbe lottato nella migliore delle ipotesi e nel peggiore avrebbe fallito.

La tua attività non può dipendere da un tale design. Questo è ciò che le reti decentralizzate vengono a risolvere. Con loro, il carico di rete viene distribuito tra reti peer-to-peer costruite su un’intera comunità di utenti, nessuno dei quali ha mai il controllo. Sul lato WAN, significa che il controllo viene privato dei soliti organi di governo (come governi e ISP) e distribuito a centinaia o migliaia di nodi che offrono l’accesso a Internet agli utenti.

Quando decentralizzi la rete, hai un determinato sito Web o servizio di rete distribuito su quei nodi. Pertanto, nessun singolo server può agire come unico proprietario dei dati. Con questo modello, è possibile accedere allo stesso contenuto e alle informazioni da uno qualsiasi dei nodi specificati.

Sul lato LAN, migrerai il controllo da un singolo server per un servizio a numerosi server per lo stesso servizio. Questo è molto simile a un cluster Kubernetes, in cui distribuisci un singolo contenitore che può scalare ed eseguire il failover su uno qualsiasi dei nodi del cluster secondo necessità. L’unica differenza tra il cluster Kubernetes e la rete LAN decentralizzata è che nessun dispositivo ha effettivamente il controllo.

È la rete decentralizzata che consentirebbe alla blockchain di prosperare davvero. Per definizione, la blockchain è un registro digitale decentralizzato. Una rete completamente decentralizzata, lavorando con la blockchain decentralizzata, eliminerebbe completamente le autorità centralizzate (come i governi e gli ISP), consentendo alla tecnologia di prosperare e raggiungere il suo pieno potenziale.

Dovresti adottare una rete decentralizzata?

Oltre a evitare i monopoli e massimizzare il potere della blockchain, perché dovrebbe essere creata una rete decentralizzata? Ci sono un paio di risposte molto semplici a questa domanda.

Il primo è l’affidabilità. Quando distribuisci il carico dei servizi su numerosi dispositivi, hai automaticamente il failover. Se un dispositivo su quella rete decentralizzata dovesse smettere di funzionare, ne sarà già installato un altro per rimediare. Ad esempio, potresti avere centinaia di server che ospitano gli stessi siti su quella rete decentralizzata. Se il server A non funziona, il server B, C, D (e così via) continuerà a servire gli stessi siti. È ridondanza, backup e failover intrinseci tutto in uno.

Un altro vantaggio della rete decentralizzata è la privacy. Anche se potrebbe suonare in contrasto con ciò che consideri sicuro, invece di tutti i dati che passano attraverso un unico punto, in una rete decentralizzata i dati passano attraverso numerosi punti casuali. Se un hacker irrompe in una rete centralizzata, deve solo trovare la strada per quel singolo punto di ingresso per raccogliere tutti i dati che circolano nella rete.

Con la rete decentralizzata, quei dati passano in modo casuale attraverso la rete, quindi non è possibile sapere dove potrebbero essere o andare in un dato momento. Ciò significa che gli hacker devono lavorare di più per individuare e rubare i tuoi pacchetti di dati.

Quindi, per qualsiasi persona o azienda alla ricerca di maggiore affidabilità e sicurezza, una rete decentralizzata sarebbe la strada da percorrere.

Perché le reti decentralizzate non vengono adottate

A parte il fatto ovvio che le grandi aziende non vogliono rinunciare al controllo, il più grande ostacolo per le reti decentralizzate è la latenza. Per avere una rete decentralizzata che funzioni perfettamente e senza ritardi, avresti bisogno di server incredibilmente potenti. Quei server sono costosi. Ecco perché la maggior parte delle reti decentralizzate è composta da macchine meno potenti.

Non dovrebbe sorprendere il fatto che quando si alimenta una rete decentralizzata con hardware scadente, si otterrà un’esperienza scadente. Fino a quando qualcuno non crea un algoritmo di compressione che può aiutare quell’hardware sottodimensionato, l’idea di una rete decentralizzata rimarrà un sogno irrealizzabile per la maggior parte. Non è impossibile, è solo una sfida.

Uno che un giorno incontreremo.

  

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me