Cos’è ERC-20?

ERC-20, o Ethereum Request for Comment, è uno standard tecnico utilizzato per emettere token sulla blockchain Ethereum abilitata per smart contract. Sebbene esistano altri standard come ERC-721 (per la definizione di token non fungibili), la maggior parte dei token creati sulla piattaforma Ethereum si basa sullo standard ERC-20.

Definizione di un insieme comune di regole per i token basati su Ethereum

Secondo Etherscan, ci sono, al momento della stesura, 196.695 contratti token ERC-20 che sono stati lanciati sulla rete Ethereum. Lo standard ERC-20 è stato sviluppato per stabilire un insieme comune di regole per l’emissione di token basati su Ethereum. 

I token conformi a ERC-20 possono essere utilizzati per condurre transazioni in modo affidabile e sicuro sulla blockchain di Ethereum, poiché consentono agli sviluppatori di determinare con precisione come verranno condotti i trasferimenti di token. Oltre a definire come i token vengono trasferiti tra diversi indirizzi crittografici, il file Standard ERC-20 specifica come è possibile accedere ai dati associati ai token.

Abilitare un’economia tokenizzata con lo standard ERC-20

Inizialmente proposto il 19 novembre 2015 da Fabian Vogelstellar, uno sviluppatore Ethereum con sede a Berlino, la specifica ERC-20 è stata sviluppata per consentire agli utenti di creare facilmente token abilitati alla blockchain. Lo standard ampiamente utilizzato consente inoltre agli sviluppatori di programmare funzionalità aggiuntive necessarie per i token di utilità.

I token conformi a ERC-20 sono stati emessi principalmente durante le campagne di crowdfunding, chiamate Initial Coin Offerings (ICO). La maggior parte dei token utilizzati nelle campagne ICO era conforme a ERC-20, poiché è uno degli standard più semplici da implementare. Inoltre, la specifica del token comunemente utilizzata consente l’interoperabilità con altri standard di token basati su Ethereum.  

Le vendite di token ERC-20 più elevate sono aumentate di oltre $ 200 milioni ciascuna

Come confermato da ICOData, le più grandi vendite di token ERC-20 (o ICO) condotte includono quelle lanciate dagli sviluppatori di EOS, Telegram Open Network (TON), Filecoin e Tezos (XTZ) – con ogni campagna di crowdfunding che raccoglie oltre $ 200 milioni.

Il token nativo di Ethereum non è basato sullo standard ERC-20

In particolare, il token nativo di Ethereum, Ether (ETH), non è basato sullo standard ERC-20. Per utilizzare Ether su reti crittografiche che accettano solo token ERC-20, gli utenti possono convertire il loro ETH in un token “avvolto”, chiamato “WETH”. Tutti i token Ethereum avvolti risiedono in un contratto intelligente che viene utilizzato per mantenere un legame 1: 1 su Ether.

Come notato da Investopedia, I token ERC-20 possono rappresentare digitalmente una vasta gamma di risorse tra cui IOU, voucher e persino proprietà immobiliare. Anche condurre transazioni ERC-20 è abbastanza semplice in quanto sono supportate dalla maggior parte dei portafogli di criptovaluta che consentono trasferimenti e depositi Ether.

È possibile trovare bug software nei token ERC-20

Tuttavia, possono esserci bug o glitch del software trovati nei token ERC-20 come standard basato su Ethereum e blockchain la tecnologia è nelle prime fasi di sviluppo.

Ad esempio, i token ETH trasferiti direttamente a un contratto intelligente comporteranno una perdita di fondi. 

I token vengono persi durante il processo di trasferimento a causa di un errore nel protocollo che si verifica quando il contratto di un token non è in grado di rispondere alle richieste di trasferimento del token. Valore di circa $ 70.000 Ethereum i token sono stati persi a causa di questo problema tecnico.

Regole facoltative e obbligatorie per i token ERC-20

La comunità di Ethereum ha sviluppato un elenco di regole per la definizione dei token ERC-20. Esistono nove regole per la creazione di token ERC-20, incluse 3 linee guida facoltative (consigliate) e sei regole obbligatorie. 

Il nome di un token, il simbolo ad esso associato e l’uso suggerito di un massimo di 18 cifre decimali quando si utilizza un token ERC-20 sono regole o linee guida opzionali. Come dettagliato da Cointelegraph, le regole obbligatorie che i token ERC-20 devono seguire includono quelle associate alle seguenti funzioni (o processi): 

  • Approva – usato per prevenire la contraffazione come questo funzione controlla ogni transazione ERC-20 rispetto alla fornitura di token in sospeso,  
  • Indennità – utilizzata per controllare il saldo dei conti ERC-20 prima dei trasferimenti, al fine di determinare se un conto dispone di fondi sufficienti,
  • balanceOf – una funzione che restituisce il numero di token memorizzati in un particolare account Ethereum,
  • trasferimento – utilizzato per gestire il trasferimento dei token agli account utente (prelevati dalla fornitura totale del token),
  • transferFrom – una funzione utilizzata per trasferire i token tra diversi utenti,  
  • totalSupply: il numero totale di token ERC-20 emessi

Come funzionano Ethereum, Smart Contracts e token ERC-20

Per capire come funzionano i token ERC-20 nell’ecosistema Ethereum basato su smart contract, esaminiamo come la blockchain della criptovaluta e macchina virtuale lavorare per supportare le transazioni sulla rete open source.

Essendo una rete decentralizzata priva di autorizzazioni e pubblicamente accessibile, Ethereum svolge due funzioni principali, tra cui la registrazione delle transazioni sulla sua blockchain e l’elaborazione di contratti intelligenti attraverso la sua macchina virtuale. Queste funzioni sono necessarie quando si creano applicazioni decentralizzate (dApp) in quanto sono parte integrante del sistema economico di Ethereum.

I token ERC-20 possono rappresentare una prova di proprietà

Agli sviluppatori che distribuiscono dApp su Ethereum viene addebitato l’utilizzo della potenza di calcolo della rete crittografica e tutti i pagamenti vengono effettuati in Ether, la criptovaluta nativa della piattaforma. Durante la creazione di dApp, gli sviluppatori possono emettere token ERC-20 per utilizzarli come valuta o possono servire come “punti” in un programma fedeltà.

Gli sviluppatori DApp possono anche creare token ERC-20 per rappresentare la prova della proprietà di una proprietà o di altri beni del mondo reale, inclusi oro o materie prime. Come spiegato, i token conformi a ERC-20 vengono emessi tramite contratti intelligenti.

I contratti intelligenti consentono inoltre agli sviluppatori di gestire transazioni che coinvolgono token ERC-20, in quanto possono essere utilizzati per mantenere un registro dei saldi dei conti. I contratti intelligenti basati su Ethereum sono programmati utilizzando Solidità, che utilizza Logica If-This-Then-That (IFTTT).

Seguire ERC-20 e altri standard semplifica l’aggiornamento del codice sorgente

Dopo che i token ERC-20 sono stati emessi, possono essere scambiati o utilizzati per pagare beni e servizi. Senza uno standard consolidato come ERC-20, non sarebbe possibile scambiare token sulla rete Ethereum, poiché token diversi potrebbero non essere compatibili tra loro.

È importante che gli sviluppatori di Ethereum aderiscano alle migliori pratiche che includono il rispetto di standard stabiliti come la specifica ERC-20. I programmi software devono essere Ben documentato in modo che diventi più facile per gli sviluppatori capire cosa fa un particolare pezzo di codice. Il codice sorgente adeguatamente documentato può anche essere aggiornato in modo più efficiente.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me