Come i governi influenzano il valore di Bitcoin

I governi sono uno dei principali fattori di influenza dei prezzi di bitcoin. Le azioni intraprese dagli stati-nazione possono avere un’influenza significativa sull’adozione e quindi sul prezzo. Siamo all’apice di un momento di rottura mentre alcuni governi si stanno avvicinando alle criptovalute?

La corsa al rialzo di Bitcoin sembra inarrestabile a questo punto. Recentemente ha distrutto il file $ 11 mila barriera. I tori degli investimenti sperano che BTC supererà la barriera dei 12 mila dollari nei prossimi mesi. Ma i tori si sono sbagliati prima.

C’è stata un’ondata di interesse globale per bitcoin dalla diffusione della pandemia di coronavirus.

  • Il volume degli scambi peer-to-peer in alcuni paesi ha raggiunto massimi storici e rapporti di settore indicare “Kraken e Coinbase hanno iniziato ad assumere assunzioni”.
  • Milioni di nuovi conti di intermediazione sono stati aperti con una parte di coloro che scambiano risorse digitali.
  • Rilascio di Fidelity Investments nuova ricerca mostrando un numero crescente di investitori istituzionali che credono che le risorse digitali dovrebbero essere incluse nei portafogli dei clienti.
  • Il mese scorso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti annunciato che le banche istituite a livello nazionale sono autorizzate a custodire le criptovalute.

Uno dei driver più importanti del prezzo di BTC è adozione e sono in gran parte i governi che guidano questo. Per capire come il bitcoin potrebbe infrangere la barriera dei $ 12.000, è importante comprendere gli ultimi brontolii geopolitici nel mondo delle criptovalute.

Crypto sta arrivando dal freddo?

Lo scorso giugno, membri del G20 ha pubblicato una richiesta per un quadro normativo multilaterale per aiutare a regolare l’ecosistema crittografico. Questa richiesta è più complicata di quanto possa sembrare. C’è poco accordo su cosa costituisca esattamente una criptovaluta.

Il bitcoin è incredibilmente versatile ed è stato utilizzato come qualsiasi cosa, da una riserva di valore a una valuta a uno strumento di prestito. Ciò rende difficile definire e quindi regolamentare.

Alcuni, come un tribunale del commercio francese, considera il bitcoin come una valuta, in particolare se applicato come prestito. Il ministero delle Finanze tedesco, al contrario, è giunto alla conclusione che invece lo siano bitcoin e altre criptovalute strumenti finanziari. Per rendere le cose ancora più confuse, il governo australiano ha deciso che il bitcoin può essere utilizzato come garanzia.

Finché esisteranno questi disaccordi, rimarranno barriere all’adozione. Ciò è vero indipendentemente dal fatto che siano le banche a rifiutarsi di utilizzare la crittografia o i governi stessi a bloccarla.

Stati Uniti: portare le banche a bordo

Le banche odiano l’incertezza e fino a poco tempo fa hanno spesso agito in modo aggressivo contro le persone che scambiano criptovalute. Le banche del Regno Unito sono addirittura arrivate al punto chiudere i conti dei proprietari di criptovalute.

UN opinione storica dall’Office of the Comptroller of the Currency (OCC) degli Stati Uniti sembra destinato a cambiare la situazione. La sentenza abilita le banche nazionali e le associazioni federali di risparmio "di tutte le dimensioni" fornire "servizi di custodia di criptovaluta ai propri clienti."

Questa sentenza potrebbe incoraggiare i giganti bancari statunitensi a iniziare a offrire criptovalute agli investitori al dettaglio. Se il bitcoin fosse, in sostanza, approvato da una delle principali banche statunitensi, aiuterebbe a rimuovere gran parte dello scetticismo che circonda la criptovaluta. Probabilmente fornirebbe anche una spinta al prezzo del bitcoin poiché più persone hanno iniziato a scambiarlo.

Russia: dare calci alla lattina lungo la strada?

La Russia ha fatto notizia a giugno quando la Duma (il loro parlamento) ha finalmente approvato il progetto di legge "Sulle risorse digitali." La legislazione era un miscuglio. La notizia positiva era che non era all’altezza della soluzione di divieto preferita dalla banca centrale. Ha anche definito la criptovaluta come una risorsa digitale. Il lato negativo è che ha completamente rimosso la possibilità di utilizzare bitcoin come valuta, rendendo illegale l’uso di BTC per le transazioni quotidiane.

La Duma ha deciso di dividere il conto in due parti. Ciò significa essenzialmente che i veri argomenti, ad esempio se le banche possono utilizzare la crittografia, sono stati spinti lungo la strada. Sebbene l’atteggiamento più positivo nei confronti di BTC sia decisamente buono, in Russia c’è ancora molta strada da fare.

Messico: la burocrazia crea un mercato Bitcoin in forte espansione

Non sono sempre le normative sulle criptovalute a guidare la crescita delle criptovalute. A volte è solo burocrazia.

Il Messico, nel tentativo di combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro, è stato implementato nuove leggi fintech nel 2019. Queste leggi richiedevano alle aziende tecnologiche che detengono depositi per gli utenti di registrarsi come istituto finanziario all’interno del paese.

Il problema? Una singola applicazione può costare fino a $ 35.000 e tutte le aziende, anche le startup, devono avere un profitto annuo minimo di $ 100.000. Anche artisti del calibro di Paypal sono stati costretti a farlo cessare di detenere depositi sui conti dei clienti.

L’effetto collaterale di questo regolamento era che rendeva difficile, lento e costoso ricevere denaro dall’estero. Ciò ha portato all’esplosione di Bitso, il principale scambio crittografico del Messico. Tra il 2019 e il maggio 2020 l’azienda è cresciuto del 342%.

Ora ha oltre 1 milione di utenti sulla piattaforma. Questa crescita è stata in gran parte guidata dalle nuove leggi fintech nel paese che rendono difficile e costoso per i messicani inviare e ricevere denaro.

Le azioni dei governi hanno un potente effetto sull’adozione di Bitcoin

Intenzionalmente o meno, i governi possono causare cambiamenti significativi nell’adozione di bitcoin, anche quando non regolano specificamente le criptovalute. Ci sono due fattori chiave per l’adozione di bitcoin. Il primo è l’attrito nelle istituzioni finanziarie esistenti, come in Messico. Il secondo è l’accesso.

Se i governi continuano a rendere più facile l’accesso a Bitcoin, come ha fatto l’America, è probabile che l’adozione di bitcoin aumenterà, contribuendo a guidare una corsa al rialzo più sostenibile di quanto abbiamo visto in passato.

 In primo piano Immagine tramite Unsplash.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me