Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide – Blockgeeks

In questa guida, quali sono le monete Proof of Stake, ti presenteremo alcune promettenti monete POS. Prima di andare oltre, diamo una panoramica della Prova della posta in gioco e del motivo per cui è preferibile al POW.

Mentre le monete proof-of-work (POW) hanno aperto la strada alle criptovalute, tutti gli indicatori puntano al dominio del mercato da parte delle monete POS / proof of stake. La cosa veramente sorprendente del POS è che è più scalabile del POW, pur non essendo altrettanto dispendioso. Tuttavia, il POS offre anche diversi vantaggi / dividendi economici ai suoi utenti, come la possibilità di eseguire un masternode o di puntare le proprie monete in un portafoglio con stakeholder. 

Cosa sono i meccanismi di consenso?

Per sua stessa definizione, un ecosistema decentralizzato manca di un organismo centralizzato che controlli le sue attività. Mentre questo li tiene al sicuro dalla corruzione e dai pericoli di un sistema centralizzato, apre una domanda molto valida.

Come si fa a fare qualcosa in un sistema decentralizzato?

In un sistema centralizzato, l’ente centrale è incaricato di prendere le decisioni, che è un lusso che una rete decentralizzata non ha. Per mitigare questo problema, gli ecosistemi decentralizzati fanno uso di “protocolli di consenso”. Il consenso è un modo dinamico per raggiungere un accordo in un gruppo. Mentre il voto si limita a stabilire una regola di maggioranza senza alcun pensiero per i sentimenti e il benessere della minoranza, un consenso assicura che venga raggiunto un accordo che potrebbe avvantaggiare l’intero gruppo nel suo insieme.

Da un punto di vista più idealistico, Consensus può essere utilizzato da un gruppo di persone sparse per il mondo per creare una società più equa ed equa.

Un metodo attraverso il quale si ottiene il consenso decisionale è chiamato “meccanismo di consenso”.

Secondo Wikipedia, gli obiettivi principali di un meccanismo di consenso sono:

#Crypto ExchangeBenefits

1

Binance
Best exchange


VISIT SITE
  • ? The worlds biggest bitcoin exchange and altcoin crypto exchange in the world by volume.
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

2

Coinbase
Ideal for newbies


Visit SITE
  • Coinbase is the largest U.S.-based cryptocurrency exchange, trading more than 30 cryptocurrencies.
  • Very high liquidity
  • Extremely simple user interface

3

eToro
Crypto + Trading

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.
  • Ricerca accordo: Un meccanismo di consenso dovrebbe portare il maggior consenso possibile da parte del gruppo.
  • Collaborativo: Tutti i partecipanti dovrebbero mirare a lavorare insieme per ottenere un risultato che metta al primo posto il miglior interesse del gruppo.
  • Cooperativa: Tutti i partecipanti non dovrebbero mettere al primo posto i propri interessi e lavorare come una squadra più che come individui.
  • Egualitario: Un gruppo che cerca di raggiungere il consenso dovrebbe essere il più egualitario possibile. Che cosa significa in pratica che ogni voto ha lo stesso peso. Il voto di una persona non può essere più importante di quello di un’altra.
  • Inclusi: Il maggior numero di persone possibile dovrebbe essere coinvolto nel processo di consenso. Non dovrebbe essere come il voto regolare in cui le persone credono che il loro voto non avrà alcun peso nel lungo periodo.
  • Partecipativo: Il meccanismo di consenso dovrebbe essere tale che tutti dovrebbero partecipare attivamente al processo complessivo.

 Il metodo con cui un sistema raggiunge il consenso è chiamato protocolli di consenso o meccanismi di consenso. Durante la creazione di Bitcoin, Satoshi Nakamoto ha cambiato completamente i protocolli di consenso introducendo il concetto di consenso di Nakamoto. I requisiti per tale protocollo sono i seguenti:

  • Dovrebbe essere in grado di gestire una rete geografica estesa.
  • Il meccanismo di consenso dovrebbe fornire un’adeguata convalida delle transazioni da parte di almeno 2/3 della rete.
  • Dovrebbe proteggere dalla doppia spesa.

La cosa unica del consenso di Nakamoto è il concetto di “difficoltà”. La difficoltà potrebbe essere una sorta di lavoro, risorsa o risorsa, che il membro della rete deve investire per creare un nuovo blocco. La “difficoltà” aiuta a:

  • Blocca la verifica.
  • Controllo del numero di monete / gettoni che fluttuano nell’ecosistema.
  • Portare la sicurezza nel sistema.

Esamineremo le due forme più popolari e ampiamente utilizzate di consenso Nakamoto:

  • Prova di lavoro (POW)
  • Proof of Stake (POS)

Non entreremo nei dettagli di POW, ma diamo una breve idea. In un sistema di consenso POW, abbiamo minatori nella rete che usano le loro risorse di calcolo per risolvere enigmi crittograficamente complessi. Se qualcuno risolve il puzzle correttamente, il suo blocco viene aggiunto alla blockchain. In cambio, ricevono una ricompensa in blocco per i loro sforzi.

Sfortunatamente, POW ha due problemi principali:

#CRYPTO BROKERSBenefits

1

eToro
Best Crypto Broker

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

2

Binance
Cryptocurrency Trading


VISIT SITE
  • ? Your new Favorite App for Cryptocurrency Trading. Buy, sell and trade cryptocurrency on the go
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

#BITCOIN CASINOBenefits

1

Bitstarz
Best Crypto Casino

VISIT SITE
  • 2 BTC + 180 free spins First deposit bonus is 152% up to 2 BTC
  • Accepts both fiat currencies and cryptocurrencies

2

Bitcoincasino.io
Fast money transfers


VISIT SITE
  • Six supported cryptocurrencies.
  • 100% up to 0.1 BTC for the first
  • 50% up to 0.1 BTC for the second
  • Non è un sistema scalabile.
  • È estremamente dispendioso in quanto richiede ai minatori di sprecare risorse computazionali della vita reale.

Questo è il motivo per cui molti progetti optano invece per il sistema di consenso proof-of-stake,

Che cos’è Proof of Stake?

Proof of stake renderà virtuale l’intero processo di mining e sostituirà i miner con i validatori. Ecco come funzionerà il processo:

  • I validatori dovranno bloccare alcune delle loro monete come puntata.
  • Successivamente, inizieranno a convalidare i blocchi. Significa che quando scoprono un blocco che pensano possa essere aggiunto alla catena, lo convalideranno piazzando una scommessa su di esso.
  • Se il blocco viene aggiunto, i validatori riceveranno una ricompensa proporzionale alle loro scommesse.

Oltre al meccanismo di consenso, ci sono alcuni progetti che consentono speciali funzionalità di picchettamento. In questi progetti, i possessori bloccano una parte dei loro token nella rete per ricevere privilegi speciali come il voto e l’hosting di masternodes. Un’altra cosa che devi notare è che ogni progetto ha la propria versione dell’algoritmo Proof of stake S. In questa guida, esamineremo tre progetti che stanno utilizzando (o utilizzeranno) una variazione dell’algoritmo Proof of Stake, vale a dire: Ethereum, EOS e Tezos. Dopodiché, vedremo come Dash sfrutta lo staking per eseguire Masternodes.

Ethereum n. 1

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

Prima di iniziare, c’è una cosa che dovrebbe essere chiarita che Ethereum attualmente non è una moneta Proof of stake, ma è una moneta POW. Ethereum alla fine passerà alla Proof of stake nella sua fase finale. L’implementazione Proof of stake di Ethereum si chiama “Protocollo Casper”. Casper è stato creato principalmente per mitigare il più grande difetto nell’algoritmo Proof of stake: il problema “Nothing at Stake”.

Qual è il problema Niente in gioco?

Considera la seguente situazione:

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

Nel diagramma sopra abbiamo la catena principale (blu) che è stata estratta fino al blocco # 53. Tuttavia, esiste un ramo parallelo che origina dal blocco # 50 (rosso). Cosa succederà se alcuni minatori malintenzionati si uniscono e continuano a scavare sulla catena rossa fino a quando non supera quella blu? Tutte le transazioni che hanno avuto luogo nel blocco 51, 52 e 53 saranno immediatamente nulle e annullate.

In un sistema Proof of Stake, questo rischio può essere mitigato.

Supponiamo che la minatrice malvagia Alice voglia estrarre sulla catena rossa. Anche se dedica tutto il suo potere hash ad esso, non otterrà nessun altro minatore a unirsi a lei nella nuova catena. Tutti gli altri continueranno comunque a estrarre sulla catena blu perché è più redditizio e privo di rischi estrarre sulla catena più lunga.

Ora, ricorda, il POW è estremamente costoso dal punto di vista delle risorse. Non ha senso per un minatore sprecare così tante risorse su un blocco che verrà comunque rifiutato dalla rete. Quindi le rotture della catena sono evitate in un sistema di prova del lavoro perché sarà estremamente costoso.

Tuttavia, le cose sembrano un po ‘diverse quando introduci Proof of Stake. Se sei un validatore, puoi semplicemente mettere i tuoi soldi sia nella catena rossa che nella catena blu senza alcun timore di ripercussioni. Qualunque cosa accada, vincerai sempre e non avrai nulla da perdere, nonostante le tue azioni possano essere dannose.

Questo è chiamato il problema “Nothing at Stake”, ed è qualcosa che Ethereum ha dovuto affrontare. Avevano bisogno di un protocollo che potesse implementare POS e mitigare il problema “Nothing at Stake”.

Inserisci il protocollo Casper

Casper è un protocollo POS che ha un meccanismo di punizione integrato. Ecco come funzionerà:

  • I validatori mettono in gioco una parte dei loro Ethers.
  • Successivamente, inizieranno a convalidare i blocchi. Significa che quando scoprono un blocco che pensano possa essere aggiunto alla catena, lo convalideranno piazzando una scommessa su di esso.
  • Se il blocco viene aggiunto, i validatori riceveranno una ricompensa proporzionata alle loro scommesse.
  • Tuttavia, se un validatore agisce in modo malizioso e cerca di fare “niente in gioco”, verrà immediatamente rimproverato e tutte le loro poste in gioco verranno tagliate.

Chiunque agisca in modo malizioso / bizantino verrà immediatamente punito con il taglio della posta. È qui che differisce dalla maggior parte degli altri protocolli Proof of stake. Gli elementi dannosi hanno qualcosa da perdere, quindi è impossibile che non ci sia nulla in gioco.

Ciò significa che i validatori dovranno stare attenti al tempo di attività del loro nodo. La negligenza o la pigrizia li porterà a perdere la loro posta in gioco. Questa proprietà riduce la censura delle transazioni e la disponibilità complessiva. Insieme a tutto ciò, la proprietà “slashing” conferisce a Casper anche un netto vantaggio rispetto ai protocolli di prova standard di lavoro.

Lo stato attuale di Casper

Ci sono attualmente due versioni dell’algoritmo Casper che vengono sviluppate fianco a fianco:

  • Casper the Friendly Finality Gadget (FFG): Il fondatore di Ethereum Vitalik Buterin sta sviluppando Casper FFG. FFG è un meccanismo ibrido di consenso POW / Proof of stake. I blocchi verranno ancora estratti tramite POW e ogni 50 blocchi diventerà un checkpoint Proof of stake.
  • Casper Correct-by-Construction (CBC): Vlad Zamfir dirige Casper CBC. CBC consente a Ethereum di derivare Casper in modo dinamico.

# 2 EOS

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

EOS mira a diventare un sistema operativo decentralizzato in grado di supportare dApp su scala industriale. Guidata da Dan Larimer e Brendan Blumer, è una delle piattaforme più discusse nel cripto-spazio. Ethereum, come accennato in precedenza, sta attualmente utilizzando il protocollo POW, che lo rende molto lento e inaffidabile. EOS prevede di produrre una piattaforma in grado di eseguire potenzialmente milioni di transazioni al secondo. Il modo in cui lo fanno è utilizzare una forma unica dell’algoritmo Proof of stake, chiamato DPOS o proof of stake delegato.

Come funziona DPOS?

L’algoritmo standard di consenso proof-of-stake segue il principio del classico consenso di Nakamoto. La maggior parte dell’intera rete viene presa per il processo di consenso. Tuttavia, questo può essere un processo lento man mano che la rete aumenta di dimensioni. In DPOS, i delegati vengono eletti tra i validatori disponibili attraverso un sistema di votazione di approvazione continua. Questi delegati saranno responsabili del processo di consenso.

In EOS, questi delegati sono chiamati “Block Producers”. In totale, 21 produttori di blocchi vengono eletti dalla lista dei validatori. Chiunque può partecipare all’elezione del produttore di blocchi. Potranno produrre blocchi proporzionali al totale dei voti ricevuti rispetto a tutti gli altri produttori.

Per riassumere i ruoli principali dei block producer:

  • Assicurati che il loro nodo sia sempre in esecuzione e integro.
  • Raccogli le transazioni nei blocchi.
  • Convalidare le transazioni firmando e trasmettendo quei blocchi.
  • Mantenere la salute e il benessere generale della rete.

Perché usare DPOS?

Come puoi immaginare, DPOS è molto più veloce di POS semplicemente perché i nodi coinvolti sono molto meno. EOS ha raggiunto un massimo di 3,996 transazioni al secondo. Lo screenshot qui sotto ci mostra anche che i blocchi vengono confermati in EOS in soli 0,5 secondi.

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

Il sistema DPOS non subisce un fork perché invece di competere per trovare blocchi, i produttori dovranno cooperare. In caso di fork, il consenso passa automaticamente alla catena più lunga.

Cos’è TAPOS?

Transaction As Proof Of Stake o TAPOS è una funzionalità del software EOS. Ogni transazione nel sistema deve avere l’hash dell’intestazione del blocco recente. Questo fa quanto segue:

  • Impedisce la riproduzione delle transazioni su catene diverse.
  • Segnala alla rete che un utente e il suo stake si trovano su un particolare fork.
  • Impedisce ai validatori di agire in modo dannoso su altre catene.

EOS staking per le risorse

Sebbene EOS ed Ethereum siano entrambe piattaforme di contratti intelligenti, esiste una differenza filosofica fondamentale tra i due progetti. Ethereum agisce come un supercomputer globale che affitta il suo potere agli sviluppatori per costruire le loro dApp. EOS, d’altra parte, si basa su un modello di proprietà. Invece di pagare l’affitto per le risorse, le possiedi.

Nel momento in cui scommetti i token EOS, ti vengono fornite risorse come larghezza di banda di rete e larghezza di banda della CPU in cambio. Poiché la RAM è una risorsa rara, sarà necessario acquistarla dal mercato della RAM. Quando vendi le tue risorse come CPU e larghezza di banda di rete, recuperi i token puntati.

# 3 Tezos

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

Tezos è una piattaforma di contratti intelligenti decentralizzata e autonoma co-fondata da Arthur Breitman e Kathleen Breitman. La società ha sede in Svizzera e ha raccolto 232 milioni di dollari in un ICO senza limiti in sole due settimane, accettando contributi sia di bitcoin che di ether. Tezos utilizza un liquid proof-of-stake o LPOS a fini di consenso.

Finora abbiamo visto due forme di proof-of-stake (POS): 

  • Casper di Ethereum, che occupa la maggior parte dell’intera rete. 
  • DPOS di EOS che elegge i delegati dalla rete, che a loro volta si occupa del consenso.

LPOS combina aspetti di entrambi questi approcci per creare un meccanismo di consenso basato sui principi della democrazia liquida.

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

È un sistema che passa in modo fluido dalla democrazia diretta alla democrazia rappresentativa (delegata).

Il processo ha le seguenti caratteristiche:

  • Le persone possono votare direttamente le loro politiche.
  • Le persone possono delegare le proprie responsabilità di voto a un delegato che può votare le loro politiche per loro. 
  • I delegati stessi possono delegare le proprie responsabilità di voto a un altro delegato che può votare per loro conto. Questa proprietà è chiamata transitività.
  • Se una persona non gradisce il voto dato dal proprio delegato, può ritirarlo e votare da sé la politica.

Allora, quali sono i vantaggi della democrazia liquida?

  • L’opinione di ogni persona conta e gioca un ruolo nella creazione finale della politica. 
  • Per diventare un delegato, tutto ciò che bisogna fare è conquistare la fiducia di una persona. Non hanno bisogno di spendere milioni di dollari in costose campagne elettorali. Per questo motivo, la barriera all’ingresso è relativamente bassa.
  • A causa della possibilità di oscillare tra democrazia diretta e delegata, i gruppi minoritari possono essere equamente rappresentati.
  • Infine, ha un modello scalabile. Chi non ha tempo per votare le proprie politiche può semplicemente delegare le proprie responsabilità di voto.

Cos’è Liquid Proof of Stake?

A differenza di DPOS, non esiste una regola rigida in base alla quale i delegati devono essere assolutamente selezionati. Spetta interamente al partecipante ciò che vuole fare. Va bene, quindi iniziamo con il LPOS.

Il LPOS di Tezos richiede che uno scommetta un certo numero di token Tezos per partecipare al consenso sulla blockchain. Il processo di picchettamento dei token Tezos (XTZ) è chiamato cottura.

I possessori di token, alias “panettieri”, possono delegare i propri diritti di convalida ad altri possessori di token senza trasferire la proprietà. A differenza di EOS, la delega è facoltativa.

Blocchi da forno

Puoi trovare e aggiungere blocchi alla blockchain di Tezos attraverso un processo chiamato “cottura”. Ecco come funziona:

  • I panettieri ottengono il blocco dei diritti di pubblicazione in base alla loro quota.
  • Ogni blocco viene cotto da un panettiere casuale e poi autenticato da altri 32 fornai casuali.
  • Se il blocco è pronto, il blocco viene aggiunto alla blockchain.
  • Il panettiere di successo ottiene una ricompensa di blocco e può addebitare commissioni di transazione per tutte le transazioni all’interno del blocco.
  • Come abbiamo detto prima, i possessori di token hanno la possibilità di delegare i loro diritti di cottura ad altri possessori senza rinunciare alla proprietà dei loro token. Al termine del processo di cottura, il panettiere condividerà le ricompense con il resto dei delegati.

# 4 DASH

Cosa sono le monete Proof of Stake: Ultimate Guide - Blockgeeks

DASH è una delle criptovalute più popolari oggi sul mercato. Il creatore Evan Duffield si è imbattuto in Bitcoin nel 2010 ed è rimasto estremamente colpito dalla tecnologia. Tuttavia, non era così entusiasta della lenta velocità delle transazioni e della mancanza di privacy. 

Questo è il motivo per cui ha deciso di utilizzare il codice Core e creare la propria criptovaluta il 18 gennaio 2014. Dash era precedentemente chiamato Xcoin, che in seguito è diventato “DarkCoin”, che è stato rinominato Dash. DASH è un portmanteau di “Digital Cash”.

Caratteristiche speciali di Dash

  • Invia transazioni private tramite la funzione PrivateSend.
  • Invia transazioni istantanee precise tramite InstantSend.
  • Poiché DASH è un fork del protocollo Bitcoin, è un sistema proof-of-work (POW).

Come afferma l’ultima funzionalità, DASH è un protocollo POW, invece di un protocollo POS. Quindi, la domanda ovvia è: perché ne parliamo in una guida sulle monete proof-of-stake? Ebbene, DASH ha una funzionalità che consente ai suoi possessori di ospitare Masternodes e fornire un servizio alla rete. 

Cosa sono i Dash Masternodes?

I masternode sono come i nodi completi nella rete Bitcoin, tranne per il fatto che devono fornire un particolare servizio alla rete e devono avere qualche investimento sostanziale nel sistema. Per eseguire un Masternode, è necessario puntare 1000 DASH.

Quindi, ora la domanda che ci si dovrebbe porre è, perché un Masternode ha bisogno di fare quel tipo di investimento?

In cambio dei loro servizi, Masternodes viene ripagato in dividendi sul loro investimento. La promessa di una ricompensa incentiva i Masternode a lavorare nel migliore interesse dell’ecosistema. Dash è stata la prima criptovaluta ad implementare il modello Masternode nel suo protocollo.

I masternode creano una rete di secondo livello, seguendo un algoritmo Proof of service, ed esistono in cima alla rete standard di primo livello di miner. Questo sistema a due livelli crea una sinergia tra i meccanismi di prova del servizio e di prova del lavoro nella rete Dash.

Una volta che un Masternode è attivo, è responsabile di un certo insieme di funzioni come InstantSend e PrivateSend. Sono anche responsabili della governance della rete.

Poiché l’esecuzione di un masternode richiede denaro e impegno, al fine di incentivare gli operatori del nodo, vengono ricompensati per i loro sforzi. La ricompensa è solitamente il 45% della ricompensa del blocco. Tuttavia, per ottenere una risposta più concreta, dovremo controllare alcuni parametri.

Sistema di ricompensa dei Masternodes

Poiché il numero di Masternode attivi nel sistema DASH continua a cambiare, la ricompensa continua a fluttuare secondo questa formula: (n / t) * r * b * a

Le variabili nella formula sono le seguenti:

  • n è il numero di Masternode controllati da un operatore
  • t è il numero totale di Masternode
  • r è l’attuale ricompensa del blocco (attualmente ~ 3.6 DASH)
  • b è blocchi in un giorno medio. Per la rete Dash, di solito è 576.
  • a è il pagamento medio di Masternode (45% dell’importo medio del blocco)

Il ritorno sull’investimento per l’esecuzione di un Masternode può essere calcolato come: ((n / t) * r * b * a * 365) / 1000.

Vantaggi dello Staking per gli utenti

Ci sono diversi vantaggi che una moneta può ottenere dall’incorporazione di un meccanismo di picchettamento. Diamo un’occhiata ad alcuni di loro in questa sezione.

# 1 Diminuzione della velocità del token

“Token Velocity” è una metrica utilizzata per determinare la valutazione a lungo termine di una particolare criptovaluta. Non possiamo sfuggire al fatto che il mercato è pieno di gettoni inutili. Questi token non hanno altro scopo che essere solo un mezzo per gli sviluppatori e i creatori di progetti per raccogliere fondi tramite le vendite di massa. In quanto tali, questi token sono adatti solo per il trading speculativo e non appena il loro prezzo è intorno a un certo livello, vengono venduti. Poiché questi gettoni non hanno quasi alcun valore di mantenimento, si dice che abbiano un’alta velocità.

Se dovessi definire Token Velocity in termini strettamente matematici, sarebbe simile a questo:

Token Velocity = Volume di transazione totale / Valore di rete medio.

Se dovessimo capovolgere la formula, allora:

Valore di rete medio = volume totale della transazione / velocità del token.

Ora, questo porta a due conclusioni:

  • Più velocità del token = valore di rete medio inferiore.
  • Più volume di transazioni = più velocità del token.

Un modo efficace per diminuire la velocità dei token e il movimento generale dei token consiste nel bloccarli all’interno della rete come stake. Questo è il motivo per cui una criptovaluta POS ha una velocità di token intrinsecamente bassa.

# 2 Guadagna reddito passivo

Puntare le tue monete è anche un ottimo modo per bloccare e apprezzare il tuo investimento. Se possiedi una gran parte dei token di un particolare progetto, significa che sei estremamente investito nel suo successo. Se è così, allora ha senso che tu prenda parte al suo processo di picchettamento, se ne ha uno.

Monete Proof of Stake: Conclusione

Molti progetti crittografici hanno iniziato a incorporare funzionalità di staking in un modo o nell’altro nel loro sistema. Mentre molti dei progetti più recenti stanno optando per un meccanismo di consenso Proof-of-Stake, DASH ci mostra che una moneta proof-of-work può anche integrare funzionalità di staking per trarne i benefici.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map