Una soluzione poco sospesa al problema delle fake news di Facebook?

Dichiarazione di non responsabilità: Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica o la posizione ufficiale di Blockgeeks

Adesso che Facebook ha deciso di smetterla negare che abbia un problema di notizie false; il social network che domina il mondo è facendo diverse mosse mediocri per cercare di arginare il suo flusso.

Questi vanno dal tentativo di impedire ai domini di notizie false di monetizzare il loro traffico, a consentendo agli utenti di “flag“Post che potrebbero essere falsi, quindi inviare contenuti altamente segnalati a una revisione tra pari di notizie.

Questi approcci sono entrambi poco brillanti.

I siti Web di notizie false possono utilizzare qualsiasi strategia di monetizzazione desiderino. Non sono vincolati a monetizzare tramite una rete pubblicitaria di Facebook. Il secondo approccio non è migliore. I revisori tra pari includere, tra gli altri, ABC News, un gruppo che a sua volta fa leva su titoli esagerati per ottenere traffico web come praticamente ogni operazione giornalistica online. Non è una vera soluzione avere i lupi (certamente quelli più addomesticati) a guardia del pollaio.

D’altra parte, c’è una soluzione UX estremamente bassa che Facebook, per quanto ne so, non sta esplorando.

Per spiegare, lascia che ti riporti a un tempo in cui correvo una tenuta da giornalismo chiamato Slant. Quando l’abbiamo fondato, una delle sfide era convincere gli investitori che le persone sui social media (la maggior parte del nostro traffico e del nostro pubblico proveniva da Facebook, come quasi tutti gli editori) desideravano utilizzare i contenuti forniti da un sito di cui non avevano sentito parlare. Perché dovrebbero fare clic su una storia di Slant quando è apparsa nel loro feed di notizie, quando Slant non aveva alcuna reputazione esistente in precedenza?

Ho avuto un’ottima risposta a questa domanda ed è andata lontano con gli investitori. Dai un’occhiata a questa ventosa:

#Crypto ExchangeBenefits

1

Binance
Best exchange


VISIT SITE
  • ? The worlds biggest bitcoin exchange and altcoin crypto exchange in the world by volume.
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

2

Coinbase
Ideal for newbies


Visit SITE
  • Coinbase is the largest U.S.-based cryptocurrency exchange, trading more than 30 cryptocurrencies.
  • Very high liquidity
  • Extremely simple user interface

3

eToro
Crypto + Trading

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

Questo è un post che il mio amico Julian ha aggiunto alla mia pagina Facebook pochi minuti fa. Cosa noti al riguardo? Ebbene, la foto è enorme. Sotto la foto, anche il testo del titolo è piuttosto grande. Quando vedi questa cosa, prima vedi la foto e poi vedi il grande titolo nero.

Ricorda, la presentazione visiva dei post di Facebook non è apparsa nel vuoto.

È il risultato di un accurato calcolo volto a massimizzare l’engagement con la piattaforma Facebook. Più impegni e traffico riceve Facebook, più soldi può estrarre dagli inserzionisti. Facebook ha preso la decisione di UX di presentare queste due risorse visive più grandi, dal momento che hanno determinato che quelle fossero le risorse che guidano il maggior coinvolgimento e profitto.

L’UX è un’elegante miscela di psicologia umana con dati puri. Per questo motivo, ho il massimo rispetto per il nostro team UX nella mia azienda attuale, ConsenSys. Ne riparleremo più avanti.

Guarda di nuovo quell’immagine. In super-duper piccole lettere grigie sono il nome del dominio o dell’editore che ha creato il contenuto. Devi scrutare abbastanza da vicino il post per apprendere che il contenuto viene fornito dal Telegraph. Inserendo il nome del dominio o dell’editore in fondo in minuscole lettere grigie, Facebook lo designa come non importante.

#CRYPTO BROKERSBenefits

1

eToro
Best Crypto Broker

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

2

Binance
Cryptocurrency Trading


VISIT SITE
  • ? Your new Favorite App for Cryptocurrency Trading. Buy, sell and trade cryptocurrency on the go
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

#BITCOIN CASINOBenefits

1

Bitstarz
Best Crypto Casino

VISIT SITE
  • 2 BTC + 180 free spins First deposit bonus is 152% up to 2 BTC
  • Accepts both fiat currencies and cryptocurrencies

2

Bitcoincasino.io
Fast money transfers


VISIT SITE
  • Six supported cryptocurrencies.
  • 100% up to 0.1 BTC for the first
  • 50% up to 0.1 BTC for the second

Per sapere cosa una società di software considera importante, controlla sotto il cofano della sua UX.

In qualità di media strategist, do uno sguardo all’UX di Facebook e apprendo che:

  1. il nome di dominio associato a una parte di contenuto ha un impatto quasi nullo sul modo in cui quella parte di contenuto si comporta sulla piattaforma in termini quantitativi;
  2. in qualsiasi momento, posso scegliere di creare un nuovo dominio senza reputazione, fornire contenuti spazzatura e giocare immediatamente nello stesso campo del New York Times.

Quindi questo è quello che ho detto agli investitori e ho sostenuto le mie argomentazioni con i dati.

In gran parte, il pubblico su Facebook fa clic sulle storie in base alla forza del titolo e all’intrigantezza della foto, non come giudizio sulla reputazione di un dominio o di un editore. Immagina un negozio di alimentari in cui nessuno dei prodotti sugli scaffali ha etichette di marca visibili. Quali fattori useresti per determinare cosa acquistare? Probabilmente l’aspetto della confezione.

Per essere chiari, non sto demonizzando il comportamento orientato al profitto da parte di società a scopo di lucro, né da parte di aziende giornalistiche né da Facebook, il cui prodotto è, probabilmente, stock di Facebook.

Il mio semplice punto è: se Facebook rendesse il nome dell’editore o del dominio su un contenuto la parte PIÙ GRANDE del post, ciò avrebbe un enorme impatto smorzante sulla distribuzione di notizie false. Il sistema di massimizzazione del profitto che ha reso l’editore o il nome di dominio PIÙ PICCOLO ha giocato un ruolo importante nel far nascere il problema delle fake news in primo luogo.

Ti ricompenserò per essere arrivato in fondo a questa storia con alcune notizie completamente reali.

La Blockchain e le Fake News?

Con ConsenSys, farò qualcosa per risolvere il problema delle notizie false. La soluzione che proponiamo sarà sulla blockchain, dove possiamo fare cose come utilizzare un algoritmo di reputazione o monitorare la provenienza degli URL. Ci sono molte soluzioni che possiamo esplorare sulla blockchain e siamo solo all’inizio. Ma qualunque prodotto creeremo sarà intrinsecamente divertente da usare, non una sorta di russare mangia-verdura che succhia il divertimento di Internet, lo prometto.

Oh, e avrà anche un’ottima UX.

Amanda Gutterman è il Chief Marketing Officer di ConsenSys. In caso di domande, inviarle un’e-mail a [email protected]

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map