L’ONU ha bisogno della blockchain per raggiungere i suoi obiettivi

Dichiarazione di non responsabilità: Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica o la posizione ufficiale di Blockgeeks

Recentemente sono stato a Davos, in Svizzera, per il World Economic Forum, e ne sono rimasto sorpreso trova blockchain nelle menti di molti dei leader si sono riuniti lì. Anche coloro che non erano particolarmente informati sulla blockchain erano consapevoli di doverlo sapere. Ho partecipato a tre eventi, tra cui un panel allo Swedish Lunch, dove ho parlato di reinventare la nostra infrastruttura di identità globale, di fronte a un pubblico ben informato.

Questo è stato incoraggiante, non solo perché ha affermato la mia convinzione che il nostro lavoro in ConsenSys è pronta ad avere un grande impatto, ma poiché questi leader e responsabili del cambiamento stavano discutendo di blockchain nel contesto della risoluzione di molti dei problemi umanitari più urgenti del mondo.

 L'ONU ha bisogno della blockchain per raggiungere i suoi obiettivi

Da sinistra a destra: Yobie Benjamin, Crister Fuglesang, Oren Falkowitz, Sam Cassatt

L’ONU ha bisogno della blockchain per raggiungere i suoi obiettivi

Spesso, le conversazioni sulla blockchain si concentrano sul suo potenziale di: creare enormi efficienze per il settore dei servizi finanziari (a recente rapporto McKinsey previsto fino a $ 110 miliardi nei prossimi anni), consentono alle aziende di trasferire i dati in modo più sicuro e consentono la creazione di nuovi mercati e prodotti finanziari. Si tratta di imprese preziose che possono anche avere implicazioni umanitarie positive, ma spesso il pezzo mancante è il modo in cui la blockchain e in particolare la piattaforma Ethereum possono influenzare lo sviluppo, la sostenibilità e la beneficenza..

Al WEF ho anche partecipato a una tavola rotonda su come la tecnologia può aiutare le Nazioni Unite a raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. Certamente, ci sono molte nuove tecnologie (come le innovazioni in agricoltura come l’acquaponica e l’agricoltura verticale) con il potenziale per aiutarci in questa direzione, ma blockchain, in particolare, è posizionata in modo univoco per accelerare i nostri impulsi verso l’inclusione, risolvere la fame e la povertà e creare posti di lavoro sostenibili.

Come estensione di quella conversazione, vorrei esporre come la tecnologia con cui lavoriamo è pronta ad aiutare l’ONU verso molti dei suoi ambiziosi Obiettivi di sviluppo sostenibile.

 L'ONU ha bisogno della blockchain per raggiungere i suoi obiettivi

Fonte: UN.org

Nessuna povertà

I sistemi basati su blockchain abbasseranno la barriera all’ingresso nel sistema finanziario globale. Secondo l’ONU e il progetto ID2020, attualmente 2,5 miliardi di persone sono prive di identità in un modo che consente loro di accedere ai servizi finanziari e governativi. M-Pesa è un esempio di una piattaforma digitale che consente alle persone senza tale accesso di rivendicare un’identità finanziaria. È stato rapidamente adottato in Kenya a causa del vuoto di identità fornito dal governo.

Quei 2,5 miliardi di persone attualmente non sono in grado di capitalizzare la loro creatività umana o il desiderio di produrre. Senza identità, non possono creare contratti, assicurarsi prestiti o sviluppare una storia creditizia. L’identità basata su blockchain sblocca il loro potenziale di partecipazione e aggiunge valore all’economia globale poiché mettono in contatto quell’identità con applicazioni decentralizzate (DApp) che si comportano come servizi finanziari, offrendo veicoli per prestiti, operazioni bancarie e investimenti. uPort fornisce la pietra angolare dell’identità basata su blockchain su cui questi altri servizi possono essere stratificati.

Lavoro dignitoso e crescita economica

Normalmente diventare un imprenditore ha richiesto il finanziamento di progetti e l’accesso ad avvocati per, ad esempio, creare accordi di acquisto di azioni. Oggi con applicazioni abilitate alla blockchain come WeiFund, diventare un imprenditore può letteralmente essere “a pochi clic di distanza”. La precedente generazione di imprenditori non aveva necessariamente gli strumenti di accesso, finanziari o legali per garantire finanziamenti o creare contratti legalmente validi. Il finanziamento basato su blockchain è il logico passo successivo nella traiettoria dalla tradizionale raccolta di fondi di venture capital, alle piattaforme di crowdfunding come Kickstarter e Indiegogo, al mondo in cui gli investitori possono monitorare come vengono utilizzati i loro fondi e investire qualsiasi quantità di valuta, in modo affidabile, in progetti in tutto il mondo.

Il prezzo degli smartphone dovrebbe diminuire nel tempo. Gli smartphone di domani costeranno lo stesso dei feature phone di oggi, che è il prezzo che la maggior parte delle retribuzioni meno avvantaggiate al mondo per i dispositivi mobili oggi. Ciò significa che le persone nei paesi in via di sviluppo, o le persone che non hanno accesso, possono scavalcare i computer desktop. In teoria, possono raccogliere fondi e fare passi da gigante nella creazione di prodotti solo sugli smartphone.

Parità dei sessi

La blockchain è una nuova arena tecnologica in cui i vincitori devono ancora nascere. Ciò significa un’opportunità per i mercati emergenti di fare passi da gigante nel loro sviluppo economico sfruttando la tecnologia, senza la necessità di significativi investimenti generali in infrastrutture.

Analogamente a come le economie in via di sviluppo possono scavalcare le economie postindustriali per quanto riguarda lo sviluppo della blockchain (poiché non esiste un insieme ben consolidato di attività blockchain), anche le donne e le minoranze hanno l’opportunità unica nella blockchain di sperimentare la stessa barriera all’ingresso degli altri che si avvicinano al campo.

Nello spazio blockchain, attualmente non esiste una gerarchia di tutoraggio radicata e non è necessario far parte di un gruppo sociale specifico o di un club di ragazzi per accedere a informazioni e biblioteche che tendono ad essere open source. Con le sue radici open source, la blockchain è intrinsecamente una tecnologia di inclusione e quella struttura si sta già riflettendo (sebbene dovrebbe e può esserlo ancora di più) in termini di gruppo eterogeneo di persone che stanno già assumendo un ruolo guida. A questo punto chi entra entra in anticipo e ha la possibilità di afferrare le redini.

Ad esempio, Fereshteh Forough at Codice per ispirare sta insegnando alle donne afghane a codificare e competenze specifiche per la blockchain. Ola Dudin, uno dei fondatori di BitOasis, è un altro potente esempio di donne che guidano nel nostro spazio.

Tale inclusione sta già iniziando a verificarsi con la microfinanza. Le prove hanno dimostrato il potere di offrire microprestiti e altre forme di sostegno finanziario fo fiorenti imprenditrici nelle comunità in via di sviluppo. Le applicazioni di finanziamento basate su blockchain renderanno questi tipi di investimenti più ampiamente accessibili.

L'ONU ha bisogno della blockchain per raggiungere i suoi obiettivi

Azione per il clima

La tecnologia blockchain è pronta per consentire agli individui e ai gruppi governativi di combattere il cambiamento climatico consentendo loro di accedere a migliori strumenti e modelli di monitoraggio per il loro consumo energetico individuale e contributi a fattori come l’inquinamento atmosferico.

Energia pulita e conveniente

Co-Tricity è un esempio di un progetto energetico basato sulla blockchain di Ethereum che incentiva le comunità a investire in energia pulita e creare valore per le comunità locali.

Con l’infrastruttura in atto, i sistemi abilitati alla blockchain consentono ai singoli proprietari di pannelli solari di vendere direttamente energia solare extra ai loro vicini, ai prezzi fissati dalle controparti nella transazione, senza fare affidamento sull’infrastruttura di contabilità della rete energetica centralizzata e antiquata. La produzione e la condivisione decentralizzata di energia è più sicura, poiché evita un sistema centralizzato di single point of failure e crea anche nuove opportunità per l’imprenditorialità nelle comunità, alle quali viene quindi consentito di mantenere quel valore all’interno della loro posizione geografica. Se tutto ciò di cui hai bisogno per diventare un imprenditore è un pannello solare o una batteria da parete Tesla (e, ovviamente, il quadro normativo per consentire la condivisione dell’energia peer-to-peer) la barriera all’ingresso nell’economia si abbassa.

Industria, innovazione e infrastrutture

Blockchain consente la creazione di nuovi modelli di business per le industrie che richiedono investimenti infrastrutturali meno prerequisiti e prendono immediatamente parte a una quarta rivoluzione industriale. Come accennato in precedenza, il potenziale qui è che le nazioni e le comunità in via di sviluppo superino le economie industriali e postindustriali e si inseriscano immediatamente nell’economia globale.

Una persona in un paese in via di sviluppo potrebbe ottenere un prestito da EtherLoan o finanziamento tramite WeiFund dall’altra parte del mondo in base alla forza della sua reputazione di responsabilità finanziaria connessa alla sua identità basata su blockchain, e senza accesso a una banca o servizi legali ufficiali crea ed esegue contratti intelligenti sulla blockchain. L’investitore dell’individuo all’estero può essere sicuro che le proprie risorse verranno utilizzate al meglio, utilizzando strumenti di governance trasparenti basati su blockchain come Boardroom monitorare direttamente l’utilizzo dei fondi.

Pace, giustizia e istituzioni forti

La blockchain è talvolta posizionata come un elemento di disturbo per i governi o descritta nel contesto dell’abilitazione della vendita anonima di materiali illegali. Ciò deriva dai primi casi d’uso altamente pubblicizzati per bitcoin come base per le transazioni su siti oscuri come Silk Road. Tuttavia, regolatori intelligenti e funzionari governativi (ascolta l’episodio 12 del podcast “Unchained” di Laura Shin dove parla con Kathryn Haun, per esempio) hanno capito che la blockchain, proprio come tutti gli strumenti, adeguatamente governati nell’interesse della nostra società, ha il potenziale per grandi benefici.

I governi hanno già scoperto diversi casi d’uso forti per blockchain; i titoli fondiari cartacei sono un esempio. Quando Haiti è stata colpita dal terremoto del 2010, gli edifici municipali contenenti documenti cartacei come i titoli di proprietà dei terreni sono stati distrutti. Questo è un primo esempio di un sistema vulnerabile a singolo punto di guasto. Il trasferimento di documenti cartacei a blockchain decentralizzate e l’attribuzione della proprietà di risorse alle identità delle persone basate su blockchain mettono i governi in una posizione molto migliore per preservare i diritti dei cittadini sulle risorse, aumentando la fiducia in quei governi ed economie. Molti governi archiviano tutti i loro dati in database centralizzati che li lasciano aperti a errori umani, incidenti e manomissioni.

Inoltre, le agenzie governative svolgono spesso funzioni ridondanti, come i controlli KYC (conosci il tuo cliente). Se quelle agenzie coordinano e creano risorse di verità condivise basate su blockchain, ciò consente alle agenzie di eliminare i licenziamenti e spendere i fondi dei contribuenti in modo più efficiente. Questi pool di dati condivisi consentono ai governi di creare modelli di qualità superiore che consentono loro di servire meglio gli interessi pubblici. Se ogni decisione presa da un’agenzia viene tracciata sulle identità basate su blockchain di singoli dipendenti o gruppi, rende facili audit e un monitoraggio eccellente in caso di errore per determinare come un processo è andato storto.

Fame Zero

I sistemi basati su blockchain per monitorare la distribuzione delle risorse agricole contribuiscono a ridurre gli sprechi e le perdite di cibo. La riduzione degli sprechi nelle filiere alimentari potrebbe avere conseguenze enormemente positive e consentire ai governi, ai coltivatori su larga scala e ai singoli agricoltori di garantire che le risorse che producono siano allocate nel modo più efficiente ed efficace possibile.

Partnership per gli obiettivi

In definitiva, quasi ogni tecnologia che ha prodotto un impatto enorme e positivo sull’umanità ha consentito a gruppi sempre più grandi di esseri umani di collaborare e lavorare insieme per un obiettivo comune. Con l’avvento di Internet, il numero di persone che oggi potrebbero potenzialmente lavorare insieme ha raggiunto i 3,5 miliardi, la porzione di pianeta attualmente connessa al Web. Quel numero cresce ogni giorno. Uno dei motivi per cui questa enorme popolazione non è in grado di collaborare efficacemente è la mancanza di meccanismi di fiducia universalmente condivisi. La fiducia, dopotutto, è l’elemento fondamentale, o prerequisito, affinché le persone lavorino insieme.

Qualcosa che diciamo spesso a ConsenSys è che ovunque la fiducia è un problema, blockchain potrebbe offrire una soluzione. La blockchain crea una registrazione sicura e trasparente dei processi e delle funzioni aziendali che si svolgono nelle società che è molto meno soggetta a errori e manipolazioni rispetto ai sistemi precedenti. È intrinsecamente logico e governato da codice, eliminando la necessità di fiducia in terze parti, come governi e sistemi legali, che possono essere corrotti o commettere errori.

Se lavoriamo insieme per creare l’ambiente normativo e l’infrastruttura tecnologica (attraverso STEM e in particolare l’educazione blockchain e la creazione di hub tecnologici, come quello che sta diventando Dubai) per sistemi condivisi e accettati basati su blockchain, abbiamo il potere di creare il base per la fiducia in tutto il mondo e sbloccare una profonda connettività e collaborazione tra parti che altrimenti non sarebbero mai in grado di mettersi al tavolo insieme.

Il potenziale positivo qui è davvero enorme e, per attualizzarlo, la blockchain avrà bisogno di esperti, sostenitori e partner a tutti i livelli per aiutare a inaugurare un futuro più inclusivo, aperto e giusto.

originariamente pubblicato su medio 

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me