Cobinhood dichiara fallimento. Gli analisti sospettano la truffa all’uscita

Gli scambi di criptovaluta che falliscono non sono una novità, specialmente dopo gli arresti assistiti durante l’inverno delle criptovalute. Ma una recente dichiarazione di fallimento di Cobinhood ha sollevato alcune sopracciglia e anche questo per le ragioni sbagliate. La dichiarazione di fallimento è stata una sorpresa per molti. Non era un segreto che la società fosse in difficoltà finanziarie, ma la società sosteneva che fosse in fase di ristrutturazione. Si parlava di licenziamento del personale e di altre misure di inasprimento finanziario, ma non si parlava di fallimento. Ciò è particolarmente preoccupante dato che lo scambio ha appena raccolto $ 3,5 milioni con successo attraverso il completamento dell’ICO Dexon il mese scorso, molti nel settore sospettano una truffa di uscita.

Possibile truffa all’uscita

Questo tipo di truffe è in corso da tempo e non è una novità. In effetti, ci sono stati incidenti significativi che coinvolgono truffe di uscita già nel novembre 2017. Una truffa di uscita è una pratica fraudolenta da parte di promotori di criptovaluta non etici che svaniscono con i soldi degli investitori durante o dopo un ICO. Il primo di un simile evento, una startup chiamata Confido è scomparsa entro un giorno dopo aver raccolto $ 175.000. I fondi sono stati raccolti attraverso la sua offerta iniziale di monete (ICO). Quando è scoppiata la notizia della truffa di uscita di Confido, la capitalizzazione di mercato della criptovaluta è scesa a $ 70.000 da $ 6 milioni in una settimana. La truffa di solito coinvolge una società che raccoglie capitali tramite un ICO e poi se ne va senza lasciare traccia, e la natura anonima delle criptovalute e la mancanza di regolamenti significa che è difficile perseguire le persone dietro tali truffe. È anche impossibile, nella maggior parte dei casi, recuperare i fondi persi.

Scandalo di Cobinhood

Gli eventi accaduti a Cobinhood avevano tutti i tratti distintivi di una truffa all’uscita. Hanno raccolto fondi tramite un ICO e poi hanno annunciato la chiusura. La Dexon ICO è avvenuta il mese scorso e ha raccolto con successo oltre $ 3,5 milioni. I gettoni avrebbero dovuto essere sbloccati il ​​20 maggio. È qui che le cose iniziano a diventare un po ‘torbide, poiché anche con l’avvicinarsi del 20 maggio, gli investitori non avevano ancora accesso al token. Allo stesso tempo, i grafici di trading hanno mostrato un enorme dump del token, che ha portato il prezzo a scendere dell’85%. Tutto ciò è avvenuto nel giro di un paio d’ore, il che ha gravemente colpito la moneta nativa di Cobinhood (che ha visto anche un calo di 50 punti percentuali). In seguito, la moneta Dexon ha recuperato parte del terreno perduto risalendo al 40 percento del suo valore originale. In un annuncio fatto dal fondatore della società Wei-Ning Huang tramite il gruppo Telegram Dexon, ha affermato che nessuno dei token di proprietà della fondazione è stato scaricato.

Attenzione alle bandiere rosse

È difficile individuare un ICO truffa in quanto è abbastanza facile farlo sembrare legittimo, e questo è uno dei motivi per cui molte persone cadono in tali trappole. Ci sono cinque cose a cui prestare attenzione. Il primo è la credibilità e nel mondo digitale di oggi è difficile misurare la credibilità. Mi piace, tweet e follower possono essere acquistati, creando falsa credibilità online. Quindi, prima di investire i soldi guadagnati duramente in un ICO, prenditi del tempo per ricercare e convalidare la credibilità dei fondatori.

La seconda cosa a cui prestare attenzione è il ROI (Return On Investment), in particolare per le proiezioni di rendimento stravaganti. I rendimenti giornalieri dell’1% trasformeranno un investimento iniziale di $ 1.000 in un rendimento di oltre $ 50 milioni entro tre anni, il che implica che semplicemente non è un investimento legittimo.

La terza cosa a cui prestare attenzione è la documentazione, principalmente white paper. Alcuni white paper sono così deboli nella sostanza che una singola lettura rivelerebbe che il progetto ha pochissime possibilità di avere successo. La quarta e una delle cose più importanti da cercare in un ICO è il modello di business. Se si tratta di un prodotto solo concettuale, inesistente, probabilmente non funzionerà. È vero che alcune tecnologie new age potrebbero dover essere progettate interamente da zero, ma i promotori che vogliono raccogliere milioni di dollari dovrebbero dimostrare che vale la pena investire nel loro progetto. Infine, grandi promozioni potrebbero essere un altro segno di una truffa di uscita.

È ora che gli investitori si prendano cura dei propri soldi. È proprio per il fatto che gli investitori continuano a innamorarsi di tali truffe che ha iniziato a diventare abbastanza frequente. Tra gli altri scambi di criptovaluta che hanno smesso di funzionare e in cui la comunità sospetta truffe di uscita sono QuadrigaCX e – il più recente – Cryptopia con sede in Nuova Zelanda. Cobinhood non ha ancora comunicato al pubblico una data precisa in cui cesserà le operazioni. Al momento della scrittura, il sito dell’exchange è ancora funzionante con le negoziazioni condotte in modalità standard.

Tweet3CondividereCondividereWhatsApp

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me